mercoledì 11 luglio 2012

..della serie: non bastano i propri figli.....

...che razza di periodo!! Basta che ti distrai un attimo, che...poufff!!!...già son passati giorni e giorni.....e nel frattempo (tristezza) di pulcino ne è rimasto uno solo









( gli altri due non ce l'hanno fatta,è triste ma continuo a ripetermi che la Natura sa ciò che fa!!) e pure temerario!!  E qui i fatti...  Interno, ufficio, mezzogiorno: telefona mia nipote " Zia, il pulcino è caduto dal nido!!" " Tesoro, sto uscendo, cinque minuti e sono a casa"  Esterno, giardino, mezzogiorno e un quarto: pulcino piccino piccino (ma.... mi sembrava più grande nel nido!!!)  e spaventatissimo che gioca a nascondino tra la felce e l'elleboro ai piedi dell'acero; Mamma Merlina che svolazza e strilla la sua agitazione; Teo rigorosamente chiuso in casa, che si sa che tra uccelli e gatti c'è poco feeling!! Scala sotto l'albero, fuggitivo acchiappato...acc...non arrivo al nido...prova mia cognata, più alta di me...niente...e qui faccio una cosa deprecabile, da non ripetere, in barba a tutte le 626 del globo terracqueo: uso il mio poggiapiedi di legno sull'ultimo piano della scala e così riusciamo ad alloggiare il pulcino nel suo nido!! Cioè...no...cade ancora...e ancora ...e ancora!! Siamo disperate....non c'è verso di farlo rimanere nel nido! Così non possiamo far altro che lasciarlo giù, c'è il pericolo che cadendo da così in alto, si faccia seriamente male... e il piccolo saltellando si nasconde nella barriera impenetrabile delle piante di rose e lavanda e cosmea...impossibile scorgerlo ancora...rientriamo in casa, così Merlina può raggiungere il piccolo discolo....e adesso, a distanza di giorni, continuiamo a vederla portare lì vermetti ed altre leccornie, nell'attesa di vedere il Piccolo Merlo imparare a volare.... 

A presto...spero di riuscire a fare qualche foto ancora...

Buona vita!
Cinzia

6 commenti:

  1. Quanta tenerezza in questo racconto. Mi sembrava di vedere te e tua cognata arrampicate a portare aiuto a questa creatura. Non sai che male a sapere dei suoi fratellini. Sarà anche madre natura, ma non mi ci abituerò mai! Sei impagabile! Un abbraccio fortissimo Paola

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ricambio l'abbraccio, forte forte!!!

      Elimina
  2. Titolo azzeccato: non bastano i propri figli... Ho passato tre giorni a dare da bere ogni 2-3 ore col contagocce a un piccolo di gazza "piovuto" in giardino. Adesso l'ho perso in mezzo alla siepe, speriamo se la cavi da solo... Ma sei stata davvero brava e per fortuna che non sei caduta tu per salvare il pennuto!!Baci. Matilde

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero di riuscire ad accertarmi che stia bene...molto brava anche tu e che pazienza!!Che dire...quando uno nasce Mamma!! Bacione

      Elimina
  3. Piccolo, è rimasto solo, ma lui ce la farà...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti terrò aggiornata! Anch'io sono convinta che ce la farà! Bacio grosso

      Elimina